Contattaci qui

Il nostro indirizzo:
Cooperativa Sociale Agricola Biologica 'Il Cengio' Via del Convento, 17 36033 Isola Vicentina (VI) Italia
Particolari del contatto:
Numero di telefono:
0444

A dodici chilometri da Vicenza, sulla strada per Schio, giace Isola Vicentina.

Situata in gran parte in una fertile pianura e cinta a sud ovest da una catena di colli coperti, grazie alla ricchezza d’acqua, da una lussureggiante vegetazione.

Il territorio di Isola Vicentina, situato a sua volta tra le estreme propaggini orientali dei Lessini e l’alta pianura vicentina, copre una estensione di circa 26,5 chilometri quadrati.

Ad ovest la zona collinare, che culmina nella cima di Ignago, 427 metri sul livello del mare, è formata da rocce sedimentarie in prevalenza calcaree con presenze di rocce vulcaniche basaltiche.

La zona di pianura situata ad est del torrente Giara, con quota che varia da 56 a 88 metri sul livello del mare, è contraddistinta da una leggera ma costante inclinazione verso sud-est.

Essa è formata da un materasso alluvionale di ghiaia e sabbie trasportato in epoca quaternaria, prevalentemente durante e dopo le ultime fasi glaciali, dai torrenti che provenivano dalle vicine montagne, in particolare dall’Astico, dal Timonchio, dal Leogra e dai loro affluenti.

La parte superiore di tale deposito è prevalentemente costituita da una estesa lente di materiale argilloso, la cui origine è legata all’azione di deposito da parte dei torrenti Giara e Timonchio che, anche in epoche storiche, periodicamente uscivano dai loro letti e invadendo la circostante pianura, lasciavano ogni volta sottili depositi di pregiato limo. Stagliato in alto su una cengia di rocce marine e vulcaniche, sorge l’antica chiesa di S. Maria del Cengio e il convento dei Servi di Maria.

La prima testimonianza della presenza di questa chiesa risale all’anno 1192, tra le pergamene del Centio Camerario, il registro delle chiese e dei monasteri che devono pagare una somma in soldi veronesi alla Santa Sede romana.
Solo molti anni più tardi, nel 1455, inizieranno i lavori per la costruzione del convento, ove tuttora risiedono i frati dell’ordine dei Servi di Maria.